Home » Questa è una bella storia di Natale,

Questa è una bella storia di Natale,

che riguarda un magentino: Francesco Bertoglio, monsignore e allora rettore del Seminario Lombardo a Roma, nominato poi Giusto tra le Nazioni.

Nel buio dei tempi venne autorizzato da Papa Pio XII a dare rifugio nel seminario a famiglie di ebrei, oltre che a diversi antifascisti, così da salvarli e sottrarli alla deportazione in Germania. Riuscì a dare rifugio a più di cento persone.

Nella notte tra il 21 e 22 dicembre 1943 -giusto giusto ottant’anni fa-, come racconta Avvenire, la famigerata banda guidata da Pietro Koch (autori di numerosi crimini, contro nemici catturati e oppositori politici, come torture e omicidi), insieme ai poliziotti italiani e soldati tedeschi, fece irruzione all’interno degli edifici del Seminario.

Il rettore Bertoglio si frappose al manipolo di militi e tedeschi, ricordando loro che era espressamente proibito l’accesso al seminario perchè il luogo godeva del privilegio dell’extraterritorialità.

Nel frattempo l’allarme era scattato all’interno del seminario e gli ebrei ospitati ebbero il tempo di nascondersi nel rifugio segreto allestito lì. Bertoglio, per questo, fu arrestato, anche se rilasciato dopo poche ore.

Il suo coraggio, unito a quello dei collaboratori, permise di trarre in salvo decine e decine di persone, anche se a seguito dell’irruzione furono tratte in arresto 16 persone che furono poi deportate ad Auschwitz.

Mons. Bertoglio divenne Giusto tra le Nazioni perché permise di salvare da morte certa 65 ebrei.

Maggiori informazioni si trovano facilmente in internet; basta cercare “Monsignor Bertoglio” per avere un’ampia rendicontazione dell’episodio.

Il più dettagliato l’ho trovato in:

https://www.combattentiereduci.it/notizie/21-dicembre-1943-irruzione-in-seminario-il-rastrellamento-nell-istituto-pontificio-nei-pressi-di-s-maria-maggiore

Oliviero Trezzi

Oliviero Trezzi

Direttore di MAGENTA NOSTRA.
Vicepresidente della PRO LOCO MAGENTA.

Archivi

Archivi

Seguici